Quarto Vuoto: la magia del deserto più grande e inesplorato del mondo

L’impressione di perdersi, la sensualità dell’Oriente, il sole che si alza sulle dune: il Rub’al Khali, ovvero il Deserto del Quarto Vuoto è uno dei luoghi più magici, avventurosi e selvaggi che esistano al mondo. Tra le sue sabbie hanno camminato (e si sono perse) centinaia di persone e il suo fascino è quasi letale.

Non esiste un altro deserto così inesplorato: lungo circa 1.000 chilometri e largo almeno 500, ricopre in tutto un’area di oltre 650.000 chilometri, la maggior parte dei quali è ancora completamente avvolta nel mistero.

Il nome e la storia del Quarto Vuoto

Il deserto del Quarto Vuoto è affascinante in tutto e per tutto. Il suo nome Rub’al Khali, è da intendersi così: il quarto (dopo cielo, terra e mare) spazio, cui è stato attribuito l’aggettivo vuoto proprio per l’assenza di presenza umana e per la sua inospitalità. Le sue dune e le sue sabbie ricoprono la parte più a Sud della Penisola Araba e persino i beduini non riescono ad avventurarsi oltre a un certo punto, cercando, nonostante la loro sapienza ed esperienza, di restare ai margini.

D’altronde, leggenda vuole che il Quarto Vuoto abbia sconfitto re e valorosi condottieri arabi, che si sarebbero avventurati alla ricerca del suo cuore per svelarne gli antichi misteri. Sì, perché questo deserto arido si sarebbe formato migliaia di anni fa, ma prima, stando anche a diversi studi, era una regione fiorente, che nonostante il clima caldo conservava delle aree lacustri e dei tratti dove si poteva vivere in tutta serenità.

Il Quarto vuoto tra dune, oasi e laghi

Il fatto che queste aree siano esistite è stato dimostrato più e più volte. Studiosi e ricercatori sono arrivati in zone remote dove sono stati rinvenuti resti di laghi e pozze d’acqua dolce ormai fossilizzati, dove un tempo andavano ad abbeverarsi ippopotami (sono stati addirittura ritrovati resti dei loro denti), bovini, bufali, asini selvatici, capre, pecore e gazzelle. In più, nei dintorni sono stati ritrovati attrezzi e strumenti usurati e scheggiati, cosa che dimostra gli insediamenti umani.

Oggi, il deserto del Quarto Vuoto si distingue per le sue dune giganti che si elevano fino a 250 metri, per le poche ma bellissime oasi nel deserto e per la sua aridità: qui piove ancor meno che nella Death Valley e tutte le visite e i tour devono essere rigorosamente organizzati e contare su grandi scorte d’acqua per poter fare in modo che tutto vada per il verso giusto. Le traversate in solitaria, a meno che non si sia provetti esploratori seguiti da un intero team da remoto, non sono da considerarsi un’opzione.

 Le notti del Quarto Vuoto e la Atlantis of Sand

Tuttavia, è possibile visitare il Deserto del Quarto Vuoto con tour, visite guidate e permanenze perfettamente gestite dalle agenzie dell’Oman. L’esperienza più suggestiva è sicuramente il campeggio: un pernottamento tra le dune con gli occhi rivolti alle stelle. Il Quarto Vuoto, infatti, è totalmente privo di inquinamento luminoso e da qui si può vedere uno dei cieli stellati più belli del mondo, con una grandissima luna a svettare tra i monti sabbiosi.

L’atmosfera notturna è anche la migliore per raccontare una delle più suggestive leggende sul Quarto vuoto: quella dell’Atlantis of Sand, ovvero l’Atlantide di Sabbia. Si narra, infatti, che alcuni (pochissimi) coraggiosi siano riusciti a trovare il centro del deserto e abbiano trovato, ben celata, una civiltà nascosta che ricorderebbe la mitica Atlantide. Nessuno può davvero sapere se esiste un fondo di verità, ma perché non crederci?

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Generated by Feedzy
%d bloggers like this: