Milano, boom di studenti stranieri nelle università: anche da Cina e Perù – Cronaca – ilgiorno.it

Trovate questo articolo all’interno della newsletter “Buongiorno Milano”. Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Non s’arresta la crescita degli studenti internazionali negli atenei milanesi. Non solo non c’è stata una battuta d’arresto durante la pandemia, ma dopo Brexit si è registrato anche un aumento di iscritti dagli altri Paesi europei.

Il Politecnico di Milano quest’anno conta complessivamente 47.281 iscritti, erano 47.139 nel 20/21, quando si era registrato un bel balzo in avanti rispetto ai 45.994 dell’anno pre-Covid e ai 45.297 del 2018/2019. In questo quadro, il 15% oggi è rappresentato da stranieri. Sono 7.149, qualche decina in meno dell’anno predente, quando erano 7.218. Ma la crescita è costante rispetto all’anno pre-Covid (quando erano 6.660) e al 2018/19 quando se ne contavano 6.449. Il continente più rappresentato resta l’Asia, con 4.091 studenti. Aumentano gli studenti in arrivo dagli altri Paesi europei: sono 646. In Bocconi, facendo un confronto sugli ultimi cinque anni, le “application“ di studenti internazionali sono raddoppiate (+101%). I Paesi più rappresentati sono Cina, Francia, Turchia, India, Germania e Usa. Gli iscritti internazionali nell’ultimo quinquennio sono passati dal 13,9% al 20,9% del totale dei bocconiani.

Alla Iulm, gli studenti stranieri – tra corsi di studio, master ed Erasmus – sono in risalita: rappresentavano il 5,6% nel 2020/21, sono al 6,8% (nell’anno dell’Expo erano il 7,6%). Per quanto riguarda i Paesi di provenienza, quest’anno sono di più gli studenti in arrivo dalla Spagna, seguiti da Francia, Romania, Turchia, Albania, Germania, Ucraina, Belgio, Cina e Perù. All’Università Statale su 60.038 iscritti, gli internazionali sono 4.647 (il 7,7%). Nella sede di Milano della Cattolica, arrivano dall’estero 1.684 studenti su 28.640 (il 6%). I Paesi di provenienza sono, nell’ordine, Albania, Brasile, Bulgaria, Ecuador, Federazione Russa, Perù, Repubblica Popolare Cinese, Romania, Stati Uniti D’America, Svizzera e Turchia. “Ripartono anche i programmi di mobilità con nuove mete – ricordano da Largo Gemelli – come i “Summer Programs Harvard University“, destinazione che va ad aggiungersi a Stanford, Uc Berkeley, Ucla, London School of Economics. E per questa estate, dopo tre anni, riparte il volontariato con due nuove mete: Portogallo e Marocco”. Tra i nuovi alleati negli scambi c’è anche l’University of North Carolina Chapel Hill. Dopo Brexit sono aumentati gli studenti europei anche in Bicocca: sono 399 rispetto ai 367 di cinque anni fa su un totale di 958 stranieri. Il Paese più rappresentato è l’Albania, seguito dalla Romania.

 

 

di Livio Andrea Acerbo #greengroundit #coronavirus #covid19 – fonte originale qui

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: