Aumento delle tasse, tutto rimandato a dopo Pasqua. Salvini rilancia la pace fiscale (video) – 7colli.it

Poco di concreto nell’incontro tra Draghi e Salvini e Tajani. “Abbiamo incontrato come centrodestra di governo unito il presidente del Consiglio. A lui abbiamo ribadito l’importanza di non aumentare la pressione fiscale nel nostro Paese. E’ stato un incontro a nostro parere positivo, ora i tecnici sederanno al tavolo per sistemare dal punto di vista della scrittura dei testi delle proposte” sulla delega fiscale. Così il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, lasciando Palazzo Chigi. Con il premier Mario Draghi “ci rivedremo dopo Pasqua, confidiamo si possa trovare una soluzione positiva su questioni fiscali di cui abbiamo parlato in questi giorni, a partire dal catasto” occorre “trovare una soluzione”.

“Noi vogliamo che il governo continui il proprio lavoro in un momento così difficile per l’Italia e per il mondo, siamo a lavoro e ci auguriamo che lavoro si possa concludere positivamente. Ripeto il messaggio che abbiamo dato è che non si possono aumentare le tasse agli italiani”. Lo ha aggiunto Tajani. “Se si trova un accordo non serve la fiducia” sul testo della delega fiscale.

Salvini: l’importante è che nessuno paghi un euro in più

“Abbiamo trovato un’ampia disponibilità da parte di Draghi a risolvere i problemi”. Così Matteo Salvini, incontrando i giornalisti, al temine dell’incontro a Palazzo Chigi, sul tema della delega fiscale. Per il leghista “Quello di palazzo Chigi “è stato un incontro positivo, distensivo – assicura -. Nelle prossime ore si lavorerà per risolvere i problemi”- “L’importante è che ci sia la certezza che nessuno paghi un euro in più – conclude – . Dopo Pasqua si chiarisce definitivamente che non ci saranno nuove tasse”. I rappresentanti del centrodestra di governo “auspicano che la legge delega sul fisco possa essere approvata in tempi brevi, ma si opporranno a interventi legislativi che possano aprire la strada a un possibile aumento delle tasse sulla casa e sui risparmi”. Lo ribadiscono dal Carroccio e dal partito azzurro.

I tecnici già al lavoro per modificare il testo

“Con questo stesso spirito, i tecnici dei partiti e del governo lavoreranno, già a partire dalle prossime ore, per modificare il testo e individuare una soluzione condivisa, che garantisca i cittadini e assicuri al governo la possibilità di affrontare le emergenze del Paese”, si fa sapere. Matteo Salvini ha rilanciato anche l’esigenza di una grande pace fiscale, pur consapevole che “ci sono resistenze da parte del Pd”. E’ quanto si apprende da fonti del centrodestra di governo, dopo l’incontro di Palazzo Chigi. Il leader della Lega ha sottolineato la necessità di “evitare testi poco chiari che rischiano di prestarsi a interpretazioni ambigue, anticamera di possibili aumenti di tasse”.

La Lega: speriamo che Pd e grillini non vogliano aumentrare le tasse

“Oggi non c’erano Lega e Forza Italia, oggi qui oggi c’era tutto il centrodestra di governo, chiediamo di essere assolutamente chiari su stop alle tasse, è stata una prova di compattezza notevole”. Così Matteo Salvini, incontrando i giornalisti, al temine dell’incontro a Palazzo Chigi, sul tema della delega fiscale. “Ora spero che gli alleati momentanei di governo, come Pd e Cinque Stelle, la smettano con la provocazione quotidiana. Spero che nessuno abbia l’obiettivo dell’aumento delle tasse”.

Per approfondire

di Livio Acerbo #greengroundit #notizie – fonte

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: