Covid Lombardia, metà regione senza quarantena. Assalto a tamponi e vaccini tra i disagi

di Sara Bettoni

Verso lo stop alle quarantene per quasi 5 milioni di lombardi vaccinati con tre dosi o con due da meno di 4 mesi. Aggiunti altri 78 posti in terapia intensiva negli ospedali. Riaprono i «Covid hotel»

Sconto di pena per almeno 4,7 milioni di lombardi. Con le nuove regole in arrivo, i vaccinati con tripla dose oppure coloro che hanno ricevuto la seconda iniezione da meno di quattro mesi non dovranno più stare rinchiusi in casa per una settimana se entrano in contatto con un positivo al Covid (sempre che non sviluppino sintomi sospetti). In Lombardia al momento la dose booster è stata somministrata a 3,37 milioni di cittadini, mentre 1,35 milioni si sono recentemente sottoposti alla seconda somministrazione. Per i vaccinati bis in attesa del richiamo è invece prevista una mini-quarantena di 5 giorni. Ancora da definire la data di entrata in vigore delle nuove norme. L’obiettivo è evitare il blocco di aziende e servizi, che già ora risentono delle assenze legate ai contagi. Trenord ogni giorno fa i conti con un centinaio di ferrovieri in meno ed è costretta a cancellare altrettanti treni, Atm parla di 300 dipendenti in isolamento o quarantena ma al momento riesce a garantire tutte le corse programmate. Ieri è stato raggiunto l’ennesimo record di casi, con 32.696 nuovi positivi emersi in un solo giorno in regione, 13.650 dei quali in provincia di Milano. Un effetto della rapida diffusione del virus e della grande quantità di test: 209 mila quelli registrati nel bollettino.

C’è la corsa alle farmacie e ai centri tamponi per ottenere il verdetto: negativo e quindi libero oppure positivo e rinchiuso fino a data da destinarsi. Nei centri privati i prezzi dei tamponi vanno alle stelle, soprattutto se si vuole il risultato in tempi brevi. E c’è la fila agli hub vaccinali per accaparrarsi la terza dose, con prenotazione o senza. Al termine dei serpentoni ci sono sempre loro: medici, infermieri, farmacisti impegnati nel doppio sforzo. Ai punti drive-through del Milanese le attese durano ore. Al San Paolo, a causa di un problema al sistema informatico, martedì sera alcuni pazienti sono stati rispediti a casa. Mercoledì mattina gli operatori hanno proseguito manualmente, fino al pieno ripristino del sistema. Alcuni centri stanno esaurendo la disponibilità di test rapidi.

Tutti i presidi stanno potenziando l’offerta e si lavora per aprire nuovi poli. Ai primi di gennaio dovrebbe essere inaugurata una postazione alla fiera di Rho, mentre alcuni Comuni dell’hinterland stanno organizzando servizi insieme a farmacisti e medici. Ma è difficile reggere la pressione. «Fontana e Moratti hanno sottovalutato i dati e le previsioni degli esperti — attacca il consigliere regionale pd Samuele Astuti— . Noi avevamo chiesto di tornare a potenziare i centri per i tamponi ma non ci hanno ascoltato. Ora l’unica risposta della Regione è imporre agli ospedali di fare più tamponi, ma non si può continuare a spremere chi è già sotto stress». Le strutture sanitarie stanno affrontando anche la campagna vaccinale. Le agende sono fitte e spesso le code si allungano a causa degli «auto-presentati». Alle Scintille ogni giorno arrivano circa 900 persone su 11 mila senza prenotazione. Con l’eliminazione della quarantena per i tri-vaccinati è probabile che i numeri saliranno.

Con il notevole aumento delle infezioni crescono anche i ricoveri. La Regione ha deciso di aggiungere altri 78 posti in terapia intensiva. Se necessario saranno attivati tre moduli nell’ospedale temporaneo al Portello, per un totale di 45 letti. L’assessore alla Sanità Letizia Moratti annuncia poi l’allestimento di 800 posti per pazienti positivi (ma non in condizioni critiche) e non Covid. Finanziata anche la prosecuzione dell’attività dei Covid hotel, per i contagiati che non possono isolarsi a casa. A Milano ne aprirà uno in via Airaghi. La riorganizzazione dell’assistenza permetterà di liberare spazi per i malati gravi negli ospedali.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta
cliccare qui.

30 dicembre 2021 (modifica il 30 dicembre 2021 | 08:35)

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_dicembre_30/covid-lombardia-meta-regione-senza-quarantena-assalto-tamponi-vaccini-disagi-edd23cb4-68ed-11ec-b54e-d173b9021fcd.shtml

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d bloggers like this: